venerdì 30 marzo 2012

GAETA 2011 - A.N.M.I. XVIII° RADUNO NAZIONALE MARINAI D'ITALIA




GAETA, 25 SET - Circa 10.000 marinai da tutte le regioni italiane hanno sfilato questa mattina a Gaeta in occasione del 18/mo raduno nazionale dei marinai d'Italia. Alla cerimonia hanno preso parte il Capo di Stato maggiore della Marina, ammiraglio Bruno Branciforte, la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, il presidente dell'Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Paolo Pagnottella e il sindaco del Comune pontino Antonio Raimondi, oltre a molte autorita' politiche, militari e religiose della zona. La cerimonia si e' aperta con il sorvolo di quattro aerei in forza alla Marina Militare capaci di decollare anche in verticale. L'ammiraglio Branciforte ha voluto un minuto di silenzio per i tre militari morti qualche giorno fa in Afghanistan, e ha poi sottolineato ''il silenzioso orgoglio'' e il ''quotidiano impegno'' che contraddistingue i marinai italiani. ''La nostra societa' ha alimentato il suo sviluppo attraverso il mare'' ha detto ancora ricordando le missioni in cui la Marina italiana e' impegnata, in particolare le operazioni in Libia. Nel corso della cerimonia e' stato letto un messaggio inviato dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano che ha voluto rivolgere ''un deferente pensiero'' ai marinai caduti, per i quali, al termine della parata, e' stata gettata in mare una corona con coccarde tricolori. Il raduno di quest'anno ha assunto un significato particolare perche' ricade nel 150/mo dell'Unita' d'Italia: Oggi testimoniamo l'amore per la Marina e par la Patria - ha detto Pagnottella - che va amata sia quando il mare e' calmo, sia con le tempeste, come quella in questo caso economica''. Polverini ha assistito alla parata indossando al collo il foulard blu con gli stemmi della Marina: ''Noi - ha affermato - ci siamo impegnati fin dal nostro insediamento per quella straordinaria risorsa che e' il mare, oggi e' stato un evento incredibile, una partecipazione popolare inimmaginabile, con migliaia di persone che hanno servito il nostro Paese. Sono stata contenta di esserci, e Gaeta e' stata una cornice straordinaria: bella come sempre, oggi ha dato qualcosa in piu'. Il presidente dell'Associazione ci teneva a che questo evento si svolgesse nella nostra Regione, e il Lazio e Gaeta hanno avuto senso di ospitalita'. Nell'anno del 150/mo dell'Unita' d'Italia e' stata scelta la nostra regione, e questo ci rende orgogliosi. Quando si sta insieme a tanta gente e alle forze armate - ha concluso - si percepisce una Italia che sapra' dare risposte anche in momenti difficili come quelli che stiamo vivendo''. L’importanza di questa ‘tripla celebrazione’ risulta evidente fin dalla lettura dell’elenco delle manifestazioni organizzate per l’occasione, con eventi che partirono fin da prima della giornata del Raduno. Come consuetudine della ricorrenza, la sede dell’evento ha visto l’arrivo di migliaia di persone e l’organizzazione di varie iniziative che sono state l’obbiettivo per attirare l’attenzione dei media sulla celebrazione. Lo scopo di fondo è stato quello di accrescere la conoscenza presso il grande pubblico, con particolare riferimento ai giovani, dei valori della cultura marinara, il cui ruolo non appare, sufficientemente apprezzato, presso l’opinione pubblica rispetto al contributo da essa dato alla società.









 
  
VIDEO N° 1 DEFILAMENTO http://www.youtube.com/watch?v=9k6H8hzSUVU
VIDEO N° 8 DEFILAMENTO http://www.youtube.com/watch?v=YjZb_nYD750

1 commento:

  1. Complimenti per il sito.

    Giuseppe Magazzù

    RispondiElimina